Guatemala al ballottaggio: si sfidano Jimmy Morales, ex comico, e Sandra Torres, accusata di reati elettorali

Orsetta Bellani, Il Fatto Quotidiano

Il Guatemala chiude le elezioni presidenziali nel momento più convulso degli ultimi vent’anni, con un presidente in carcere e migliaia di persone in strada a manifestare contro la corruzione del sistema politico. Il Paese andrà al ballottaggio il 25 ottobre. Il favorito è il comico Jimmy Morales, nuovo volto del Frente de Convergencia Nacional, un partito fondato da un gruppo di militari che parteciparono alla guerra civile guatemalteca (1960-1996) durante la quale si consumò il genocidio del popolo indigeno maya. A sfidarlo sarà Sandra Torres di Unidad Nacional de la Esperanza (UNE), ex moglie dell’ex presidente Álvaro Colom, accusata di reati elettorali dal Tribunal Supremo Electoral (TSE). Continue reading…

Guatemala, tremano le alte sfere del potere

Geraldina Colotti, Il Manifesto

C’è allarme, in Gua­te­mala, tra le alte sfere del potere. Sabato, la popo­la­zione si è fatta sen­tire con una sto­rica mani­fe­sta­zione spon­ta­nea con­tro la cor­ru­zione e l’impunità. Stu­denti, sin­da­ca­li­sti, arti­sti e reli­giosi hanno sfi­lato per chie­dere le dimis­sioni del pre­si­dente Otto Pérez Molina e della vice­pre­si­dente, Roxana Bal­detti. All’origine c’è il cosid­detto scan­dalo La Linea, che ha evi­den­ziato una rete cri­mi­nale di tan­genti e cor­ru­zioni alle dogane in cui com­pa­iono diversi alti fun­zio­nari del governo. Continue reading…

«Il Guatemala vittima di patti nefasti con le multinazionali». Intervista a Daniel Pascual Her­nan­dez di Vía Campesina

Geraldina Colotti, Il Manifesto (Foto: Giorgio Trucchi)

“In Gua­te­mala siamo vit­time di un patto nefa­sto tra isti­tu­zioni di governo e grandi mul­ti­na­zio­nali”, dice al mani­fe­sto Daniel Pascual Her­nan­dez, Coor­di­na­tore gene­rale del Comité de Uni­dad Cam­pe­sina (Cuc) e mem­bro dell’organizzazione inter­na­zio­nale Via Campesina. Continue reading…