La vera notte di Iguala e il caso Ayotzinapa – Intervista ad Anabel Hernández

Fabrizio Lorusso, Global Project (Foto: Orsetta Bellani)

Anabel Hernández è una delle giornaliste d’inchiesta più riconosciute del Messico. E’ autrice, tra gli altri, dei libri La terra dei narcos. Inchieste sui signori della drogaMessico in fiamme. L’eredità di Calderón e La vera notte di Iguala, l’inchiesta più attuale e contundente sul caso dei 43 studenti di Ayotzinapa, scomparsi a Iguala, nel meridionale stato messicano del Guerrero, la notte del 26 settembre 2014. Per le minacce e le aggressioni ricevute, che hanno coinvolto direttamente lei, la sua famiglia Continue reading…

I nemici nei forni: il lager de Los Zetas era un carcere

Orsetta Bellani, Il Fatto Quotidiano (Foto: Miguel Sierra/Epa)

Il carcere di Piedras Negras è stato utilizzato dall’organizzazione criminale Los Zetas come un campo di concentramento. L’inchiesta è della Procura Generale di Giustizia dello Stato di Coahuila, nel nord del Messico (le indagini sono iniziate nel 2014), e la settimana scorsa è arrivata una conferma dal Texas: Continue reading…

Pace in Colombia? Le sfide del post-conflitto

Orsetta Bellani, Il Fatto Quotidiano

Oggi potrebbe essere un giorno storico per la Colombia. Gli occhi del paese sono puntati sull’Avana, dove ci si aspetta che il presidente Juan Manuel Santos annunci la firma dei trattati di pace con i guerriglieri delle Fuerzas Armadas Revolucionarias de Colombia (FARC). Proprio lì, nella capitale cubana, nel novembre 2012 sono iniziate le negoziazioni per mettere fine a un conflitto di mezzo secolo, che ha visto i guerriglieri marxisti contrapporsi alle forze armate e ai paramilitari, milizie irregolari create dall’esercito e dai cartelli criminali per fare il lavoro sporco. Secondo stime ufficiali, i paramilitari hanno commesso più di mille massacri e ucciso circa 25mila persone. Continue reading…

“Il governo nasconde la verità sui 43 desaparecidos”

Orsetta Bellani, Il Fatto Quotidiano (Foto: O.B.)

Lascia il Messico il Gruppo Interdisciplinario di Esperti Indipendenti (GIEI), che per più di un anno ha investigato il caso Ayotzinapa. IL GIEI, nominato dalla Commissione Interamericana di Diritti Umani (CIDH) per realizzare un’inchiesta parallela ed indipendente rispetto a quella della Procura, se ne va senza congedarsi dal presidente Enrique Peña Nieto, che accusa di avergli messo il bastone tra le ruote in vari modi. “Il governo non vuole che risolviamo il caso”, hanno affermato. Continue reading…

La vera storia di Pablo Escobar

Orsetta Bellani, Wired

Don Federico spazza il bordo della tomba di marmo nero di Pablo Escobar. Racconta che un giorno, tempo fa, stava vendendo gelati nel cimitero Monte Sacro di Medellín (Colombia), quando si avvicinò Alba Marina Escobar, sorella del boss le cui vicende sono raccontate nella serie tv Narcos su Netflix. Gli offrì di occuparsi della tomba del leader del Cartello di Medellín, e promise una buona paga. Don Federico accettò con entusiasmo. Continue reading…

Studenti desaparecidos in Messico, inchiesta internazionale: “Ricostruzione dei pm è falsa, servizi e polizia sapevano”

Orsetta Bellani, Il Fatto Quotidiano

All’una e un quarto della notte del 26 settembre 2014 Carmen Mendoza ricevette un messaggio di testo del figlio adolescente. “Mamma, mi puoi fare una ricarica? È urgente”, scriveva Jorge Aníbal, studente della scuola normale di Ayotzinapa. Dopo quella notte Carmen non lo ha più visto, ma per quasi un mese il cellulare continuava a squillare ogni volta che la donna provava a chiamarlo.  Continue reading…

La responsabilità dello Stato messicano per i fatti di Ayotzinapa. Intervista a Román Hernández del Centro di Diritti Umani Tlachinollan

Orsetta Bellani, Narcomafie (Foto: O.B.)

Le manifestazioni della società civile messicana a seguito della sparizione dei 43 studenti ad Iguala hanno fatto conoscere all’opinione pubblica internazionale la brutalità della violenza in Messico e la corruzione della sua classe politica, ma anche la capacità di mobilitazione di un popolo stanco. A Città del Messico abbiamo incontrato Román Hernández Rivas del Centro di Diritti Umani Tlachinollan, che lavora a tu per tu con gli studenti di Ayotzinapa e con le famiglie dei ragazzi scomparsi. Continue reading…

Messico Amaro

Anabel Hernández, D Repubblica (Foto: Orsetta Bellani)

La sparizione di 43 studenti della scuola rurale di Ayotzinapa, avvenuta il 26 settembre del 2014 a Iguala, nello stato messicano di Guerrero, ha mostrato con violenza al mondo il vero volto della situazione che vive oggi il Messico: il susseguirsi di massacri di innocenti, le sparizioni coatte, l’impunità, la collusione a tutti i livelli dello stato con la malavita organizzata, e il fallimento totale del presidente Enrique Peña Nieto nel garantire pace, legalità e giustizia, elementi indispensabili per l’esistenza di una democrazia.
Continue reading…