Chiapas: turismo, autostrade e repressione

Orsetta Bellani, Arivista (Foto: O.B.)

“I compagni si sono già abituati a vedere i militari,

ci sono comunità che si trovano al bordo della strada

e quando passano i veicoli militari li vedono come se fossero veicoli normali,

hanno perso la paura nei loro confronti”.

Gabriel, base d’appoggio zapatista del Municipio Autonomo General Emiliano Zapata1

Dalle loro automobili i turisti guardano stupiti gli indigeni tzeltal incappucciati, seduti ai bordi della strada che porta alle cascate di Agua Azul. I loro machetes e passamontagna mettono in dubbio l’immagine di tranquillo paradiso terrestre promossa dal governo dello Stato del Chiapas. Continue reading…

EZLN. Storie di crimini e di contrainsurgencia

Orsetta Bellani, Arivista (Foto: O.B.)

A partire dal 1994 nella nostra zona ci siamo preparati, uomini,

donne e bambini, a resistere pacificamente alla presenza militare.

Nell’anno 1995, un 9 di febbraio, quando il presidente Zedillo

mandò 60mila soldati per catturare la dirigenza zapatista,

molti di noi si sono dovuti allontanare dai loro villaggi per non provocare i militari.

Alcuni tornarono a rioccupare le loro comunità,

si allontanarono un mese o poco più, ma altri rimasero molto più tempo

fuori dal loro villaggio perché l’esercito lo aveva occupato.

Anahí, membro della Giunta di Buon Governo de La Realidad1

La chiesa di Acteal è stata costruita dopo il massacro. È un edificio grande per una comunità così piccola, e ha l’aria di un’opera eretta per compensare l’incompensabile. Alle sue spalle sorge quella che prima era la cappella del paese, una costruzione minuta e buia di assi di legno. Continue reading…