Insegnanti contro la riforma: in Messico si uccide sempre

Orsetta Bellani, Il Fatto Quotidiano (Foto: O.B.)

José Luis ha il viso di Che Guevara appeso al collo e tatuato sul braccio. Insegna in una scuola elementare dello stato meridionale del Chiapas e fa parte della Coordinadora Nacional de Trabajadores de la Educación (CNTE), l’ala più combattiva di un sindacato di insegnanti. “Manifesteremo fino a quando il governo non abrogherà la riforma che apre le porte alla privatizzazione dell’educazione”, afferma José Luis, mentre riposa all’ombra del casello autostradale che unisce le città di Tuxtla Gutiérrez e San Cristóbal de Las Casas. Continue reading…

Tra sparatorie, automobili bruciate e corruzione si svolgono le elezioni amministrative in Messico

Orsetta Bellani, Il Fatto Quotidiano

Nelle elezioni messicane di domenica 5 giugno, che hanno portato più di 37 milioni di persone a scegliere 12 governatori, alcuni sindaci e deputati dei Congressi locali, tutti i problemi del paese sono venuti al pettine. Compra-vendita di voti, minacce, sparatorie e un sessismo così sfacciato da portare il partito Nueva Alianza a piazzare sul palco un gruppo di donne a torso nudo, con il suo simbolo dipinto sui seni. Continue reading…

Pace in Colombia? Le sfide del post-conflitto

Orsetta Bellani, Il Fatto Quotidiano

Oggi potrebbe essere un giorno storico per la Colombia. Gli occhi del paese sono puntati sull’Avana, dove ci si aspetta che il presidente Juan Manuel Santos annunci la firma dei trattati di pace con i guerriglieri delle Fuerzas Armadas Revolucionarias de Colombia (FARC). Proprio lì, nella capitale cubana, nel novembre 2012 sono iniziate le negoziazioni per mettere fine a un conflitto di mezzo secolo, che ha visto i guerriglieri marxisti contrapporsi alle forze armate e ai paramilitari, milizie irregolari create dall’esercito e dai cartelli criminali per fare il lavoro sporco. Secondo stime ufficiali, i paramilitari hanno commesso più di mille massacri e ucciso circa 25mila persone. Continue reading…