Simojovel. Se il Chiapas è in mano alla narcopolitica

Orsetta Bellani, Narcomafie (Foto: O.B.)

Nel marzo scorso Victor Hugo García López mise nello zaino tre litri di pozol, una bevanda di mais rinfrescante e nutritiva che si consuma nel sudest del Messico, e uscì di casa. L’indigeno maya tzotzil si unì a circa 15 mila persone della zona di Simojovel e camminò per quattro giorni fino alla città di Tuxtla Gutiérrez, capitale dello Stato del Chiapas, per denunciare il contesto di insicurezza, corruzione e impunità che si vive nella regione. Continue reading…

Elezioni Venezuela, Maduro in difficoltà nei sondaggi: per la prima volta dopo 17 anni il chavismo rischia di perdere

Adele Lapertosa, Il Fatto Quotidiano

Domenica il Venezuela va al voto e, per la prima volta in 17 anni, c’è la possibilità che il chavismo perda. I sondaggi danno i partiti di opposizione di destra in vantaggio di 10 punti e il presidente Nicolas Maduro ha già annunciato che, se l’opposizione dovesse vincere le elezioni politiche, scenderà “in piazza con il popolo e la Rivoluzione entrerebbe in un’altra fase”. Continue reading…

La vera storia di Pablo Escobar

Orsetta Bellani, Wired

Don Federico spazza il bordo della tomba di marmo nero di Pablo Escobar. Racconta che un giorno, tempo fa, stava vendendo gelati nel cimitero Monte Sacro di Medellín (Colombia), quando si avvicinò Alba Marina Escobar, sorella del boss le cui vicende sono raccontate nella serie tv Narcos su Netflix. Gli offrì di occuparsi della tomba del leader del Cartello di Medellín, e promise una buona paga. Don Federico accettò con entusiasmo. Continue reading…