Caffè, è epidemia di roya: il fungo che distrugge piantagioni in America Latina. ‘Presto problemi di rifornimento per Paesi Ue’

Orsetta Bellani, Il Fatto Quotidiano (Foto: O.B.)

“Quest’anno abbiamo avuto un calo di produzione del caffè di quasi il 40%”, afferma Julio César Hernández Arizmendi della cooperativa Comunidades Indígenas de la Región de Simojovel de Allende (CIRSA), mentre cammina per il suo campo che si arrampica su una montagna del Chiapas, nel sud del Messico. Poi afferra una foglia di caffè da una pianta spoglia e mostra delle macchie gialle sulla superficie.  Continue reading…

Messico, Peña Nieto mantiene la maggioranza. Scontri durante il voto

Orsetta Bellani, Il Fatto Quotidiano

Con lo scrutinio dei voti che si avvia alle sua fasi finali, con il 27% delle preferenze la maggioranza semplice al Congresso sta andando al conservatore Partido Revolucionario Institucional (PRI), il partito “dinosauro” che ha governato quasi ininterrottamente dal 1929 ad oggi. Il PRI, che malgrado il nome di rivoluzionario non ha nulla, si è presentato alle elezioni in alleanza con il Partido Verde Ecologista de México (PVEM, che ha raggiunto circa 6,7% delle preferenze), altro gruppo conservatore così lontano dall’ambientalismo da essere stato disconosciuto dal Partito Verde EuropeoContinue reading…

Messico, domenica il voto: ucciso il 5° candidato in 4 mesi. 20 i politici trucidati

Orsetta Bellani, Il Fatto Quotidiano (Foto: O.B.)

Martedì scorso Miguel Ángel Luna Munguía si trovava nel suo ufficio a Valle de Chalco, nel centro del Messico, quando un commando armato ha fatto irruzione e gli ha sparato a bruciapelo. Il politico stava preparando la chiusura della sua campagna elettorale per le consultazioni di domenica, che chiameranno 83 milioni di messicani a scegliere deputati, sindaci e i governatori di nove stati. Continue reading…

Cuba è fuori dalla lista nera

Roberto Livi, Il Manifesto

Cuba è uscita uffi­cial­mente dalla lista dei paesi patro­ci­na­tori del ter­ro­ri­smo che il governo degli Stati Uniti si sente in diritto di ela­bo­rare ogni anno. L’isola era stata inse­rita nel gruppo di paesi “cana­glia” nel 1982 a causa del suo (sup­po­sto) appog­gio alla guer­ri­glia colom­biana (Farc e Eln) e all’Eta basca e per aver dato rifu­gio ad alcuni con­dan­nati dalla giu­sti­zia Usa.

Continue reading…