Ezln, il ballo discreto per i 43 scomparsi

Orsetta Bellani, Il Manifesto (Foto: O.B.)

Si ini­zia a bal­lare quando il ghiac­cio si scio­glie. Poco a poco ci si lascia andare alla musica nel campo di basket del Cara­col di Oven­tic, sede del governo auto­nomo zapa­ti­sta. Gio­vani indi­geni con il volto coperto dal pas­sa­mon­ta­gna invi­tano a bal­lare le ragazze venute da fuori, pro­ve­nienti da luo­ghi dif­fe­renti del Mes­sico e del mondo. Continue reading…