EZLN: Clandestine tra i clandestini

Orsetta Bellani, Arivista (Foto: O.B.)

“Ho dovuto lasciare il mio villaggio in cerca di lavoro,
spinta dalla necessità, perché non c’era di che vivere.
Una volta arrivata in città mi sono accorta che lì la situazione
della donna è diversa rispetto alla campagna.
Mi sono resa conto che non è giusto che ci trattino
così, ho iniziato a capire e a prendere coscienza del
fatto che noi donne ci dobbiamo organizzare”.
Comandanta Ramona

 

Fabiana mi sveglia ogni mattina alle 4.30, quando il giorno non ha ancora illuminato la comunità. Assonnata, penzolo le gambe dal letto privo di materasso e mi copro dall’umidità pungente della Lacandona. In cucina ci aspetta una pentola di chicchi di mais bolliti, gialli e corposi. Li versiamo in un piccolo mulino e con fatica giriamo la manovella, finché non ne esce una farina così fi ne da poter formare una grande pagnotta gialla, che basterà a fare le tortillas per tutto il giorno e per tutta la famiglia. Continue reading…

Traffico d’armi, arrestato l’ex deputato Fi Romagnoli: “Vendeva alle Farc”

Redazione Il Fatto Quotidiano

L’ex deputato di Forza Italia Massimo Romagnoli è stato arrestato a Podgorica, in Montenegro. Insieme a due cittadini romeni è accusato di traffico d’armi a favore delle Farc, le Forze armate rivoluzionarie colombiane. Lo hanno riferito giovedì mattina l’agenzia Mediafax e il quotidiano Rumania libera. L’arresto dell’ex parlamentare, di Cristian Vintila e Flaviu Virgil Georgescu, è avvenuto su mandato di cattura delle autorità statunitensi. Continue reading…

Liberi tutti, Obama e Raúl a testa alta

Roberto Livi, Il Manifesto

In con­tem­po­ra­nea, il pre­si­dente cubano Raúl Castro e lo sta­tu­ni­tense, Barack Obama, hanno annun­ciato l’inizio di nego­ziati per la ria­per­tura di sedi diplo­ma­ti­che e in pro­spet­tiva, dopo più di cinquant’anni di con­flitto, per la ripresa di rela­zioni diplo­ma­ti­che piene e la fine dell’embargo uni­la­te­ral­mente decre­tato da Washington. Continue reading…

L’autogol del Brasile alle porte di COP20

Paolo Lima, Altreconomia

Nei giorni che hanno preceduto la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, in corso a Lima, il Brasile ha quasi segnato un autogol, e inizia in svantaggio i negoziati che si svolgono fino al 12 dicembre.
Per quanto riguarda la produzione energetica, infatti, il 28 novembre si è svolta l’ultima asta per l’energia dell’anno, durante la quale sono stati acquistati 4.936 megawatt (MW) di energia elettrica per alimentare il mercato a partire dal 2019.

Continue reading…

«Qui in Messico il narcotraffico è forza di governo»

Geraldina Colotti, Il Manifesto (Foto: Orsetta Bellani)

«In Mes­sico è più peri­co­loso un pre­si­dente come Peña Nieto che un nar­co­traf­fi­cante come El Chapo Guz­man. Il primo, governa una miscela per­versa di omi­cidi e cor­ru­zione, il secondo è un burat­tino al ser­vi­zio del potere di turno». Così dice al mani­fe­sto Ana­bel Her­nan­dez, autrice del volume La terra dei Nar­cos, edito da Mon­da­dori con pre­fa­zione di Roberto Saviano. Continue reading…

Messico, Peña Nieto promette riforme (e reprime la protesta)

Federico Mastrogiovanni, Pagina99 (Foto: Orsetta Bellani)

A più di due mesi dalla sparizione forzata di 43 studenti della scuola di Ayotzinapa e l’uccisione di altri sei, non si placa la protesta della società civile messicana. Il primo dicembre era una data importante, il giorno in cui, due anni fa, ha prestato giuramento il presidente della Repubblica, Enrique Peña Nieto e già allora, nel 2012 il primo dicembre si è caratterizzato per proteste di massa dirette al neopresidente e al suo Partito della Rivoluzione Istituzionale (PRI), tornato al potere dopo 12 anni lontano dal governo.

Continue reading…